GoriziaA 48 Km da Grado. Gorizia alla fine della Seconda Guerra Mondiale, come conseguenza del disastroso conflitto, Gorizia subì la divisione -come accadde a Berlino (D)- della città con l’impostazione di un tracciato di frontiera che attraversava l’abitato cittadino dividendolo in italiano e jugoslavo;finita la "guerra fredda" Gorizia e Nova Gorica di fatto sono ormai ritornate un'unica città, e non è difficile, passeggiando nella Piazza Transalpina camminare liberamente e contemporaneamente con un piede in territorio italiano e con l'altro in Slovenia.

Gorizia, con il suo castello medioevale, e con il suo borgo perfettamente conservato, è un vero gioiello, mentre nel suo centro storico convivono in modo armonioso, architetture medioevali, barocche e ottocentesche. La città offre anche al visitatore una interessante panoramica sugli avvenimenti della Grande Guerra, e i suoi musei provinciali offrono una rassegna di importanti reperti archeologici, da non perdere il Museo della Grande Guerra e il Sacrario militare di Oslavia, che accoglie le salme di 57.200 caduti del primo conflitto mondiale..

Prenotazione veloce

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza dei cookie esclusivamente per memorizzare informazioni inerenti la visualizzazione del sito stesso, nessun dettaglio viene comunque memorizzato e non è possibile associare il dettaglio stesso ad un utente specifico.