Grado austriacaNel 1815 Grado passò a far parte dell’impero asburgico che ne favorì lo sviluppo anche turistico: nel 1854 Grado offriva già ai primi clienti della sua spiaggia i “camerini”, veri antenati degli attuali spogliatoi, e nel 1873 esibiva il “Primo Ospizio marino austriaco”, sicuro precursore degli istituti di cura gradesi; ma fu il decreto firmato da Francesco Giuseppe nel 1892 a sancire la nascita ufficiale della “ Stazione di Cura e Bagni di Grado”, e nello stesso anno venne anche inaugurato il grande stabilimento balneare sospeso sul mare, un’elegante struttura con 400 cabine ed al centro un raffinato ristorante, che avrebbe rappresentato “l’immagine” della città per molti anni a seguire. Nel 1900 il barone Leonhard Bianchi aumentò la ricezione turistica, facendo costruire vicino alla spiaggia un complesso di ville tuttora esistenti, che portano ancora il suo nome; nell’Aprile dello stesso anno i tentativi di perforazione del sottosuolo, fatti dal Comune per trovare una falda acquifera, ebbero successo, mettendo così fine alla secolare mancanza di acqua potabile dell’isola. Nel 1910 per facilitare l’arrivo dei turisti la Società Ferroviaria Friulana fece arrivare il treno nella vicina Belvedere, da dove potevano proseguire verso Grado con i frequenti vaporetti di linea. Questi furono gli anni in cui Grado diede uno dei primi esempi di turismo di massa.

Prenotazione veloce

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza dei cookie esclusivamente per memorizzare informazioni inerenti la visualizzazione del sito stesso, nessun dettaglio viene comunque memorizzato e non è possibile associare il dettaglio stesso ad un utente specifico.